Raymonda

Raymonda


Una leggenda medievale: dame, cavalieri, crociati e saraceni, cattedrali e castelli hanno stimolato la fantasia del giovane Aleksandr Glazunov, alla sua prima composizione di balletto


Una leggenda medievale: dame, cavalieri, crociati e saraceni, cattedrali e castelli hanno stimolato la fantasia del giovane Aleksandr Glazunov, alla sua prima composizione di balletto, e la infinita sapienza di Petipa, che inanella una serie interminabile e ricchissima di variazioni classiche, danze esotiche e di carattere, pantomime, lirici passi a due e grandi momenti di evidenza per il corpo di ballo, con un finale grandioso. Dalle notazioni degli archivi di Harvard, dai disegni originali custoditi nel Museo e nella Biblioteca Teatrali di San Pietroburgo prende vita alla Scala l’ultimo grande titolo del glorioso periodo dei balletti imperiali
Friedemann Vogel e Olesia Novikova fanno coppia in questo spettacolo.

Coreografia Marius Petipa (1898)
Ricostruzione della coreografia e messa in scena Sergej Vikharev
Musica Aleksandr Glazunov
Direttore Michail Jurowski
Cast: Olesia Novikova,Friedemann Vogel
Scene originali Orest Allegri, Pëtr Lambin e Konstantin Ivanov
Ricreate da Elena Kinkulskaya e Boris Kaminsky
Costumi originali Ivan Vsevoložskij
Ricreati da Irene Monti
Luci Marco Filibeck
Ricerche storiche d’archivio e coordinamento Pavel Gershenzon
Con la partecipazione degli Allievi della Scuola di Ballo dell’Accademia del Teatro alla Scala






118 q 0,312 sec