49
  07/04/2015           
#APPertamente2015

#APPertamente2015


Pochi giorni fa nell’ambito di SMAU Padova sono stati assegnati i premi agli studenti innovatori dell’Università di Padova


Il concorso è stato promosso dal Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali dell’Università degli Studi di Padova (TESAF) insieme a Busnet.it, un’azienda che produce innovazione nel campo delle tecnologie web (www.busnet.it).

L’edizione 2015 è stata dedicata agli oltre 2000 studenti della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria del campus di Agripolis a Legnaro (PD), circa 80 i progetti selezionati che hanno deciso di produrre miglioramento tecnologico sfidandosi nell’ideazione di nuove applicazioni per dispositivi mobile. Un fondamentale supporto è stato dato da due aziende leader nel campo degli strumenti e dei prodotti per l’agricoltura: Kuhn Italia srl (multinazionale all’avanguardia nel settore delle macchine agricole) e IPAG srl (azienda specializzata nella distribuzione di prodotti e servizi agricoli, per il bestiame e il giardinaggio). Indispensabile l’apporto del servizio di Trasferimento Tecnologia dell’Università di Padova.

La festa di premiazione, che ha concluso un progetto portato avanti per molti mesi, si è svolta nella cornice di SMAU Padova – l’evento di riferimento nei settori digital e ICT – ed ha visto come vincitore del primo premio il progetto #greenmeapp di Rachele Rosin.

La vittoria è stata decretata da una giuria composta da: Paolo Gubitta, Professore straordinario di Organizzazione aziendale del DSEA e delegato al Placement dell’Università di Padova; Luigi Sartori, Professore Associato di Meccanica Agraria del Dipartimento di TESAF dell’Università di Padova; Elena Pavan Referente del Servizio di Trasferimento Tecnologia UniPD, Luca Pastorello general manager di IPAG srl, Paolo Cera e Andrea Brunazzo di Kuhn Italia Srl, Paolo Moro di Busnet.it. Il settimo, e non ultimo, giudice è stato il pubblico che ha votato i 5 finalisti attraverso gli hashtag di Twitter.

Rachele Rosin ha proposto una app gioco per misurare le emissioni di CO2, vincendo un premio di 500 Euro e la possibilità di vedere il suo progetto diventare una app reale e funzionante, che realizzerà con Busnet.it. Un premio anche per gli altri 4 finalisti: Sara Schena e Sara Milanese, Filippo Zappalorto Sebastian Diaz-Duran Fuentes e Marisa Salis. L’idea di Università di Padova e Busnet.it, infatti, era proprio quella di promuovere l’innovazione sostenendo i giovani e lo sviluppo di una imprenditoria dal basso.

Abbiamo chiesto a Luca Pastorello, general manager di IPAG Srl, una delle aziende main sponsor, che cosa significa per la sua Azienda la connessione con il mondo dell’Università: “Siamo fermamente convinti che consolidare i rapporti con il mondo della ricerca grazie ad #APPertamente2015 sia un’opportunità coerente: se la nostra azienda cresce e continuerà a farlo è grazie al forte investimento sulla formazione e sulla ricerca che da sempre la contraddistinguono. Gli ultimi anni sono stati per noi testimoni di formazione di tipo esperienziale per le risorse umane, nonché di ricerca nell’ambito organizzativo e nel sistema di produzione del servizio offerto.

Rispetto alle nuove frontiere dei prodotti per l’agricoltura, Pastorello spiega che proprio quest’anno stiamo assistendo a forti cambiamenti nel settore, che riguardano sia il produttore che la catena distributiva: PAN, nuova PAC e riorganizzazione dei servizi fitosanitari provinciali. “Da un lato recepiamo una crescente richiesta di un’agricoltura più attenta alla sostenibilità, dall’altro invece assistiamo alla riduzione dei servizi a suo sostegno: tale divergenza apre nuove opportunità in agricoltura. La proposta ideata dalle seconde classificate al premio costituisce una possibile risposta a tali esigenze.

IPAG Srl ha voluto prendere parte attiva ad #Appertamente2015, che si replicherà nel 2016, per ascoltare e supportare le idee e le proposte dei giovani, che riescono a dare un contributo certamente dinamico ed innovativo al settore.

Share





135 q 0,164 sec